FRANTI.


DI MOLTE DERIVE DI POCHI APPRODI

In un contesto digitale in cui i vari Travel Bloggers scrivono emerite minchiate ispirate a luoghi in cui noi comuni mortali non potremo mettere piede se non indebitandoci fino al 2045, Franti propone viaggi nelle periferie ignorate dallo Stato e dalla borghesia illuminata di questo paese abbandonato da Dio.
Ogni puntata della rubrica toccherà quartieri diseredati in cui non sarà possibile fare viaggi all inclusive con beauty farms annesse e "docce emozionali", bensì una caustica descrizione della realtà in cui tutti gran parte degli italiani vivono ma nessuno "accetta di accettare".
Ispirato a persone e luoghi realmente esistenti, Franti reinterpreta fatti, personaggi e luoghi attraverso un suo personalissimo reportage letterario

Tor Bella Monaca

“Un giovane di 30 anni si è suicidato con un colpo di pistola alla testa dopo aver litigato con la fidanzata. L’episodio è avvenuto a Tivoli vicino a Roma intorno alle 15:30. All’arrivo degli agenti nella sua abitazione, il 30enne che ha precedenti ed è assuntore di cocaina, dopo aver tentato di aggredire anche loro, si è chiuso in camera e si è sparato con una pistola con la matricola abrasa. Vita di strada, rime forti e sguardi decisi erano il pane quotidiano di Mirko, in arte er Gitano, uno dei rapper più noti sulla scena romana emergente che ieri si è tolto la vita...”

Aò Mìrko, a leggete così direi che t’hanno sputtanato pure dopo morto, ma se nun eri morto probabile che li mannavi affanculo a tutti co’ un rap de quelli tua tosti e gagliardi, pieni de vita de strada e de scoglionamenti vari co’ la madama. Essì, perché a falla vedè a la televisione Tor Bella Monaca o su li filmi so boni tutti, ma a campacce e ’sti cazzi! Tu eri bono a campacce a Tor Bella perché c’eri nato e cresciuto e lo sapevi bene che cazzo vor dì a vive addentro a li casermoni de Via Giacinto Camassei, andò nun ce stà ncazzo, se non degrado e ’no stato che bolla tutti li abitanti der quartiere come criminali e pataccari, in cui l’unico intervento sociale è ’na manganellata da parte de ’e guardie e “nun rompete li cojoni sennò ve mannamo ar gabbio”.

Nun è che tutto quello che cantavi era rose e fiori certo, de parolacce e robbe gangsteristiche ne rimavi ’na cifra ma sfido qualunque cantante o cantantessa a passà anche solo ’na settimana a Tor Bella e scrive un testo bello romanticoso tipo “Trottolino Amoroso”, ma se l’annassero a pija anterculo. In quelle strade ce sta le mignotte, le guerre pe’ lo smercio de a’ robba, i cravattari che te chiedono er 20 per cento ar mese de tasso a strozzo, nun ce sta nessun Romanzo Criminale, solo dolore e pena quotidiana addentro ’na borgata in cui pure la bonanima de Pasolini je pijava un coccolone a vede come li proletari de oggi stanno ’ngujati de fame e miseria. Se nascevi trent’anni fa potevi da diventà un autonomo de sinistra o uno estremistico de destra, ma sei nato in un epoca andò er mito de tutti o è un calciatore o è ’na velina co’ le tette de fora che guadagnano un sacco de sordi senza fa ’ncazzo e quindi , ma che davero, che noartri de Tor Bella semo più scemi solo perché semo de Tor Bella.

Te sei messo a cantà er Rap perché dicevi che è la musica de li negri americani che vivono insaccati addentro a li casermoni come i sorci, in mezzo ai papponi e a li spaccia, uguale uguale a come se vive addentro a la borgata e quindi perché no, se non lo cantavi tu ma me dovessero da spiegà chi cazzo lo dovrebbe da cantà er Rap in Italia. Certo che a guardatte tutto tatuato e co’ la faccia sempre incazzosa c’era da cacasse sotto ma c’avevi un core grande, quer core che voleva da dà la voce a quelli che nun ce l’hanno, ovvero e me spiego, praticamente a tutti li ragazzi de la borgata. Nun volevi regole, nun avevi tempi, eri un gitano in giro per er monno tuo che disprezzava le ingiustizie e avevi detto basta perché ne vedevi ’na cifra intorno a te. Quelli a cui je stavi su li cojoni, li cosidetti benpensanti, te dicevane che eri un cattivo esempio pe li ragazzetti perché cantavi de robbe violente e gangsterose. No dico, evvabbè, ma perché invece de criticà ebbasta nun se facessero, ’sti signorotti assai saccenti, ’na vacanzetta insieme a le fidanzate loro molto “low cost” a Tor Bella Monaca: ’na bella settimana in biuti farme, praticamente l’aerosol e le terme te le fai co’ li scarichi a cielo aperto de e’ fogne, nonché passeggiatine sentimentali mano nella mano addentro a le stradine pulite e suggestive der quartiere.

Incidentalmente e manco a fallo apposta a Torbella ce sta er campo nomadi più grande d’Europa, chiamato ironicamente Er Salone, e forse er nome Er gitano l’hai pijiato da lì o forse da qualche artra parte, vabbè tanto ammo’ ce sta Salvini e se campavi ancora poesse che te buttavano fora insieme ai nomadi quelli veri de Er Salone, boh, chissà. Purtroppo non posso da dì chi vivrà vedrà perché purtroppo sei morto prima.

Però c’è anche da di’ le cose positive, no? Essù, quello che è giusto è giusto.

Perché a Torbella ce sta lo zoo, eh, ma che davero? Che poi a dilla tutta me pare pure più grosso der Bioparco de Roma.

Lo Zoo de Torbella so i giardinetti de Largo Mengaroni ando ci stanno i sorci più grandi d’Europa e l’anno scorso l’AMA ne ha sgamati 16 da minimo minimo 4 chili e mezzo, più o meno il peso de un barboncino.

Lì se possono da vede esemplari unici della loro specie, un po’ per favve capì è come se state a Jurassic Park: ce sta er Titannosaurus Sorc, quello che praticamente se sbrana li gatti invertendo la catena alimentare, oppure il sorcio a forma de Mammut con i denti che je se attorciglia tipo li baffi de l’Ispettore Poirot, insomma tutta una serie di Dinotopi che le scole ce vanno in gita per fasse una cultura in merito alla fauna esotica de Torbella.

Beh, certo, e mica è tutto brutto a Torbella per carità, se proprio proprio te gira li cojioni e non sai quello che fa te poi fa sempre una passeggiatina salutare per Via dell’Archeologia in cui puoi fare jogging o come cazzo se dice in inglese con la variante atletica dell’esercizio ginnico della corsa ad ostacoli tra le pallottole vaganti durante i regolamenti de’ conti delle bande de’ spaccio, aho, ma che voi mette co’ quelle corsette pallose a Villa Borghese?

Ma se l’annassero a pija ’nartra vorta anterculo, ma nun je l’hanno detto a quessi che er tasso de abbandono scolastico a Tor Bella è del 60 per ciento, nun so se me spiego, ogni 10 pischelli 6 c’hanno la terza elementare ma che cazzo devono da cantà! Lo sanni quessi qua che in questa borgata, un quartiere ’ndo ce vive circa 25 mila persone, ce stanno 300 casi de overdose ogni anno tra quelli che stirano le cosse e quelli che se sarva pe npelo! Ora che hanno fatto un firmo su Tor Bella che parla de Giggo robbo d’acciaio te starai a mette a ride da lassù, tu che dicevi che pe’ sopravvive qui ce vole proprio da avecce le palle de acciaio.

Franti

Loading...
Loading...
Loading...